giovedì 16 febbraio 2012

Dolomiti Ski Jazz 2012

Dal 10 al 18 marzo torna letteralmente in pista il festival Dolomiti Ski Jazz, con gli inimitabili ingredienti che lo rendono da sempre uno dei più originali appuntamenti musicali italiani: piste da sci e musicisti di fama internazionale, i paesaggi delle Dolomiti e le note del jazz più eccitante. I diciotto concerti della quindicesima edizione del Dolomiti Ski Jazz daranno vita a nove giorni di accattivante musica live da gustarsi in quel paradiso degli sport invernali che è la Val di Fiemme.


La magica alchimia tra musica e natura, tra caldi ritmi afro-americani e paesaggi innevati, è l'elemento che conferisce ai concerti diurni del festival (tutti gratuiti) il loro particolare fascino. 
Appuntamenti musicali all'aria aperta, questi spettacoli si svolgono direttamente lungo i tracciati delle piste da sci, nei più noti luoghi di ritrovo, dove sarà possibile fermarsi tra una discesa e l'altra e ascoltare musica di qualità con scarponi e sci ai piedi. 
L'edizione 2012 di Dolomiti Ski Jazz farà tappa al rifugio Doss dei Laresi all'Alpe Cermis, allo Zischgalm e il Ganischgeralm di Pampeago, al rifugio Passo Feudo e la baita Gardonè dello Ski Center Latemar, alla baita La Morea di Bellamonte, allo chalet Valbona all'Alpe Lusia, al Platzl di Obereggen, al Maso dello Speck di Daiano. In questi luoghi si potranno ascoltare nomi noti e giovani proposte del jazz italiano, con qualche virata anche verso il blues: ben due progetti con la cantante e sassofonista Helga Plankensteiner nella front line (il quartetto Porcino Organic e il sestetto Revenge!), il Jazzmood Trio del chitarrista Francesco Mazzù e il trio di un bluesman di razza come il chitarrista Maurizio Bestetti. Ampio spazio sarà dedicato a musicisti provenienti dalla Toscana: dal quintetto della cantante Marzia Neri al quartetto del sassofonista Daniele Malvisi, dal quartetto del bassista Gianmarco Scaglia, all'Isola Jazz Quartet con la vocalist Romina Capitani, dal Valdarno Jazz Ensemble al Puccini Project Trio con il pianista Fabrizio Mocata (quest'ultimo gruppo si esibirà in un concerto per le scuole).
Il programma del Dolomiti Ski Jazz sarà poi completato dagli immancabili concerti serali nei teatri e nei locali notturni della Val di Fiemme, dove si potranno ascoltare musicisti di grande notorietà. Particolarmente rilevante sarà la serata di apertura del festival, con l'esibizione della cantante Patrizia Laquidara, impegnata con la sua band nel progetto "Il canto dell'Anguana", che le ha fatto vincere la più recente edizione del premio Tenco (Cavalese, Teatro Comunale, 10 marzo). Un'altra serata sofisticata e poetica sarà quella con il trombettista Marco Tamburini, il cui gruppo Three Lower Colours sarà affiancato dagli archi del Vertere String Quartet (Tesero, Teatro Comunale, il 13, in collaborazione con il Comune di Ziano di Fiemme e Trentino Jazz). Con il quartetto Soundscape saremo davanti a un incrocio internazionale di stelle del jazz, con il pianista spagnolo Jorge Rossy, il batterista statunitense Gregory Hutchinson e gli italiani Stefano D'Anna e Paolino Dalla Porta (Predazzo, Aula Magna, 15 marzo). Il trio del chitarrista statunitense John Abercrombie, una delle più intense personalità jazzistiche legate alla celeberrima etichetta discografica ECM, sarà protagonista dell'ultimo appuntamento in teatro del festival (Castello di Fiemme, Sala Polifunzionale, 17 marzo).
Gli altri concerti di prima serata vedranno salire sul palco il Trentino Jazz Ensemble, un sestetto formato dai più affermati musicisti regionali impegnati in "Canti della Montagna Jazz Remix", uno sbalorditivo amalgama di jazz, musica tradizionale e alta tecnologia (Moena, Teatro Navalge, 11 marzo, in collaborazione con Trentino Jazz); il Miss Marple Quartet, con la voce di Alice Testa e il sostegno musicale di jazzisti di valore come il pianista Marcello Tonolo e il bassista Lorenzo Conte (Cavalese, Wine Bar Hotel Bellavista, il 16); gli assortimenti imprevedibili tipici delle Jam Session, nelle quali saranno coinvolti i numerosi musicisti ospiti del festival (il 12 alla Grenz di Moena e il 14 al B'art di Predazzo).

Nessun commento:

Posta un commento