venerdì 13 gennaio 2012

I prossimi eventi del Museo del Jazz di Genova

E' ripreso a pieno ritmo, con l'anno nuovo, il programma del Museo del jazz, articolato nei consueti incontri del martedì pomeriggio, con alcuni eventi speciali. Martedì 17, alle ore 18 presso la sala Camino di Palazzo Ducale, sarà la volta del documento inedito "Video story del jazz ligure", ideato da Giorgio Lombardi e realizzato con la collaborazione di Gianni Sorgia.  Il lavoro, che era  già stato presentato a suo tempo in anteprima in forma incompiuta, viene ora riproposto nella sua versione definitiva e posto in vendita ai soci del Museo  al prezzo speciale di 10 euro.
Il DVD ripercorre, con immagini inedite, la storia del jazz ligure dalle origini agli anni novanta attraverso i suoi esponenti di maggior rilievo. Ad aprirlo sono alcuni  dei più importanti pionieri: Pippo Barzizza, Natalino Otto, Romero Alvaro. per proseguire con gli storici esponenti del New Orleans Revival ligure,  come i  Riverside Syncopators di Lucio Capobianco ed i Louisiana Shakers di Papa Fausto Rossi e con le formazioni a cavallo tra lo Swing e il Jazz Moderno: Galata Swingers di Maurizio Burdese; Guitar Ensemble di Alex Armanino. Quindi le orchestre dirette da Dany Lamberti (nelle quali fece il suo debutto un giovanissimo Luigi Tenco) e da Cesare Marchini. per approdare alle  nuove generazioni comprendenti Laura Fedele; Dado Moroni; Andrea Pozza; Luciano Milanese; Massimo Faraò; Aldo Zunino; la Bansigu Big Band con Piero Leveratto e Giampaolo Casati; i “Nine Pennies” di Roberto Resaz. Il Ponente ligure è degnamente rappresentato da: Riccardo Zegna, Dodo Goya, Tiziana Ghiglioni, Danila Satragno e la Big Band Jazz Ambassadors di Imperia; il levante da: Gil Cuppini, Tony Parisi e Andrea Imparato.
Il Video è arricchito da riprese effettuate al Teatro della Corte in occasione dei “Memorial Gianni Dagnino” e da una serie di interviste ad Arnaldo Bagnasco, Mauro Manciotti, Gianni Dagnino, Adriano Mazzoletti, raccolte in occasione di una importante rassegna del jazz ligure allestita nel 1986 nella sede del Louisiana Jazz Club di Corso Aurelio Saffi e presentata dallo stesso Giorgio Lombardi.  
Nelle prossime settimane ancora tanto jazz e blues raccontato ed illustrato con contributi video da esperti critici ed appassionati dei due generi.  
Ecco il programma completo: 
Martedì 24 gennaio, Museo del Jazz, ore 18.  
Franco Fayenz, critico e giornalista musicale tra i più esperti in Italia, presenta, in collaborazione con il collezionista di immagini Gigi De Leo, “Dexter Gordon Story”. Videostoria della vicenda artistica di uno dei più grandi sassofonisti del jazz moderno, famoso per il suo suono tagliente e sferzante e per essere stato il protagonista di una pellicola simbolo sulla vita dei jazzisti: “'Round Midnight” di Bernard Tavernier, da tempo un classico della cinematografia internazionale.    
Martedì 31 gennaio, Museo del Jazz, ore 18.  
Luciano Federighi presenta “Joe Williams & Johnny Hartman”. Nuovo excursus nella vocalità afroamericana, con il supporto di preziose immagini, ad opera di uno dei maggiori studiosi dell’argomento (in Italia e all’estero), per raccontare le gesta artistiche di due giganti del canto jazz. Il primo famoso per aver cantato a lungo nell’orchestra di Count Basie, con quella sua speciale predilezione per il blues orchestrale condotto con vibrante swing, il secondo noto soprattutto per aver confezionato con John Coltrane uno degli album più interessanti a proposito di interpretazione del canzoniere jazzistico.    
Martedì 7 febbraio, Museo del Jazz, ore 18.  
Guido Festinese, in collaborazione con Gigi De Leo presenta “Ornette Coleman Story”. Videostoria della vicenda artistica di quel grande sassofonista, musicista, artista visionario, che fece compiere al jazz forse il suo ultimo grande balzo evolutivo, aprendo alle note afroamericane le porte dell’atonalità.   
Martedì 14 febbraio, Sala Camino del Palazzo Ducale, ore 18.    
Giorgio Lombardi presenta “New Orleans Today II”, secondo capitolo di un’antologia di filmati rari e inediti dedicati ai protagonisti dell’odierno suono che colora ancora la città culla delle note afroamericane. Fra gli altri protagonisti si vedranno in azione la Dirty Dozen Brass Band, il grande trombettista Wynton Marsalis, Lillian Bouttè, Leroy Jones, la Liberty Jazz Band di Michael White, il banjoista Don Vappie e molti altri. Nel video compariranno riprese dalla festa di Ascona per New Orelans e altre realizzate nella città americana dopo il passaggio dell’uragano Katrina  Ingresso libero.   
Martedì 21 febbraio, Museo del Jazz, ore 18. 
Luigi Monge presenta “Big Bill Bronzy”. Videoconferenza ad opera di uno dei maggiori studiosi del blues in Italia e all’estero su una delle figure centrali nella storia del blues, Big Bill Broonzy (appunto), bluesman tra i più poetici e ispirati, uno degli anelli di congiunzione tra il blues rurale e quello urbano.    
Martedì 28 febbraio, Museo del Jazz, ore 18.  
Riccardo Tolomelli, vicepresidente del Museo del Jazz, grande appassionato di canto swing e profondo conoscitore della vicenda artistica di Frank Sinatra, presenta “I sinatriani”: un personale montaggio filmato dedicato ad una nutrita serie di cantanti più o meno noti, che hanno seguito le orme del grande crooner statunitense. Potranno vedersi in azione artisti del valore di Dean Martin, Lena Horne, Sammy Davis Jr e Bobby Darin. 
Per informazioni: www.italianjazzinstitute.com

Nessun commento:

Posta un commento