venerdì 9 dicembre 2011

David Liebman e Marc Copland a Ferrara

Ferrara in Jazz propone questa sera (venerdì 9 dicembre), alle ore 21.30, al Torrione il concerto di David Liebman (sassofoni) e Marc Copland (pianoforte).
David Liebman e Marc Copland sono solisti e compositori tra i più apprezzati al mondo. Con singolare telepatia rivisiteranno brani memorabili della storia del jazz, in un percorso che và da Lester Young a John Coltrane, in un continuo e stimolante un costante dialogo a due.
David Liebman si è imposto negli anni settanta come uno degli eredi più ispirati della musica di John Coltrane, collaborando con alcuni tra gli ensemble più celebrati di Miles Davis, Elvin Jones, e Chick Corea. Da allora ha diretto una lunga serie di gruppi ed ha creato numerosi progetti in una carriera documentata da altre 100 dischi, che lo ha visto, da tempo, piazzarsi sempre tra i primi 5 solisti di sax soprano nel referendum della prestigiosa rivista Down Beat. Alla carriera di solista e compositore Liebman ha affiancato quella di didatta, con ottimi risultati. Liebman è un punto di riferimento per i musicisti delle generazioni successive, particolarmente apprezzato per la maestria con cui usa il sax soprano.
Marc Copland si è rivelato negli anni novanta come solista e leader di una serie di gruppi dove ha coinvolto importanti individualità del jazz, un quartetto con il chitarrista John Abercrombie e il contrabbassista Dress Gress, un trio con Gary Peacock al basso e Billy Hart alla batteria; un altro trio con John Abercrombie ed il trombettista Kenny Wheeler; ed un quintetto “all star” con Randy Brecker, Bob Berg e Dennis Chambers. Presenze così autorevoli e diverse segnalano l’abilità e la versatilità di Copland, capace di spaziare da armonie più elaborate e liriche nei brani lenti ad un solismo mercuriale sui tempi veloci. Copland avevo esordito come sassofonista ma insoddisfatto della direzione della sua musica trovò nel pianoforte il suo mezzo espressivo ideale. Anche questo contribuisce all’originalità del suo approccio che lo segnala tra i pianisti più interessanti del jazz d’oggi.
Per informazioni: www.jazzclubferrara.com

Nessun commento:

Posta un commento