mercoledì 2 novembre 2011

Dave Douglas e la sua grande attività discografica

Il trombettista Dave Douglas è un compositore estremamente prolifico ed un instancabile sperimentatore, che ama svariare tra i generi con progetti sempre differenti ma mai banali.
Basti pensare che Douglas negli ultimi mesi ha pubblicato ben 4 album, prodotti dalla sua interessante etichetta Greenleaf, gli ultimi tre dei quali, facenti parte della serie GPS (Greenleaf Portable Series), sono disponibili esclusivamente in formato digitale, acquistabili direttamente dal sito al prezzo di 5 € per il formato Mp3 e 7 € per il formato loseless Flac.
Il primo delle releases di Douglas si intitola United Front, pubblicato in aprile, nel quale il trombettista è accompagnato dalla straordinaria Brass Ecstasy. L'album cattura la spettacolare performance del gruppo durante il Newport Jazz Festival del 2010. (A questo link è possibile ascoltare integralmente in streaming audio questo concerto tratto dal sito della Npr).
Ripartendo dal acclamato album Spirit Moves (Greenleaf 2009) United Front vede questa all-star band immergersi nelle composizioni di Douglas (più un brano di Hank Williams Sr.), con un'intensità ed esuberanza che è possibile ascoltare solo in un concerto dal vivo, in particolare in uno con l'eredità e lo spirito di Newport. L'album contiene prevalentemente brani tratti da Spirit Moves tra cui Bowie - un omaggio a Lester Bowie - che mostra stabilmente la folla in un forte ed apprezzato delirio. Sono inclusi anche due brani inediti, Spirit Moves e United Front.
"There was a special feeling for us on taking the drive out to the festival grounds at Fort Adams State Park,” ha detto Douglas. “On the day of the gig, each of us was flying in from a different location. The weather was cooperating, and I remember watching boats in the harbor…such a magnificent setting. During the set each of the tunes grew into new proportions that day, stretching in all sorts of directions from their original studio release.”
Clicca qui per scaricare gratuitamente United Front tratto dall'album.
L'album successivo, (primo della serie GPS) pubblicato nel mese di giugno, vede ancora all'opera la Brass Ecstasy impegnata in una informale sessione di registrazione a Brooklyn nel quale Douglas presenta nuove composizioni più una nuova versione del celebre standard Lush Life.
L'album che si intitola Rare Metals è costituito da sei splendidi pezzi, equamente divisi tra delicate ballads e pezzi più dinamici.
Clicca qui per scaricare gratuitamente Lush Life tratto dall'album.
Il progetto successivo, pubblicato in agosto, si intitola Orange Afternoons, ed è composto da sei nuove intriganti composizioni di Douglas, presentato da un eccezionale quintetto di all-stars costituito, oltre che dal trombettista, anche da Ravi Coltrane (sassofono tenore), Vijay Iyer (piano), Linda Oh (basso) e Marcus Gilmore (batteria) per un album che ritengo sia il più interessante tra quelli pubblicati.
L'ultimo degli album pubblicati da Douglas si intitola Bad Mango, uscito in ottobre, nel quale Douglas è accompagnato da So Percussion, una ulteriore formazione che conferma il grande eccletismo del trombettista.
Nell'accompagnare la sua tromba ad una miriade di strumenti a percussione tra cui marimba, drumset, glockenspiel, ed a tutta una serie di percussioni non tradizionali come campane giocattolo, shruti box, crotali, ed altri, Douglas accompagna questa unica ensemble attraverso nuove composizioni e rivisitazioni di brani del suo grande catalogo.
Douglas oltre ad essere un grande artista, dimostra anche di aver capito come deve agire un artista moderno per far arrivare direttamente la sua musica ai fans. Indubbiamente il lancio di questa serie digitale GPS a prezzi modici è, a mio parere, un modo intelligente e moderno per affrontare la crisi del mercato discografico ed in qualche modo combattere la pirateria. 
I liked the idea of streaming the music directly to listeners, and it seemed that CD length might not be the best representative in the new medium,” spiega Douglas. “Also the idea of shorter, more informal sessions appealed to me as it harked back to the way jazz records used to be made. The GPS gave me an outlet for a lot of new tunes and presented me with a way to record with some musicians I really admire but would rarely get to play with.”

Ecco il video di Solato, tratto dall'album Orange Afternoons.

Nessun commento:

Posta un commento