mercoledì 2 novembre 2011

Abbey Lincoln: The Power Of Voice

Sul sito della NPR è possibile ascoltare in streaming uno splendido documentario che ritrae la vita e la carriera della leggendaria cantante Abbey Lincoln, scomparsa lo scorso anno all'età di 80 anni.
Il documentario è stato presentato nell'ambito della trasmissione Jazz Profile condotta dalla celebre cantante Nancy Wilson.
Poche cantanti hanno avuto la profondità emotiva e la versatilità di Abbey Lincoln. Con una voce capace di evocare le gioie e i dolori della vita, si è conquistata una nicchia di pubblico come cantante e cantastorie per più di 40 anni. Fino alla fine ha cercato di perseguire modi nuovi e creativi per esprimere se stessa.
Nata Anna Marie Wooldridge il 6 agosto 1930, a Chicago, Illinois, la Lincoln è cresciuta nelle campagne del Michigan in una grande fattoria con i suoi 11 fratelli. La famiglia aveva un pianoforte, così lei poté sviluppare un interesse per la musica ancora in tenera età, quando iniziò a cantare nei cori della scuola e in chiesa.
Mentre il talento della Lincoln iniziava a maturare, cominciò ad imparare come esprimere le emozioni dietro i testi. Lei accreditò le registrazioni di Billie Holiday, Sarah Vaughan e Dinah Washington nell'insegnarle il modo di cantare con convinzione.
Per sfuggire ai rigidi inverni del Michigan, la Lincoln si trasferì in California. A 22 anni, trascorse un anno a Honolulu, cantando in un locale notturno sotto il nome di Lee Gaby. Quando ritornò in California, incontrò il paroliere Bob Russell, che divenne il suo manager e le dette il nome di Abbey Lincoln.
Dopo aver trascorso diversi anni ad ovest, la Lincoln partì per Chicago. Mentre la sua carriera di cantante iniziava ad ingranare, ebbe il ruolo di cantante nel film The Girl Can't Help It, dove indossava un abito una volta appartenuto a Marilyn Monroe. Ma la vita glamour non era nelle corde della Lincoln, così decise di licenziare Russell e cominciare una nuova vita artistica.
Nel 1956, registrò il suo primo album, Abbey Lincoln's Affair: A Story of a Girl in Love. L'anno successivo si trasferì a New York ed iniziò a lavorare al Village Vanguard, che all'epoca era un club intimo, perfetto per aspiranti artisti.
Mentre cantava al Village Vanguard, la Lincoln incontrò il batterista, compositore e innovatore bebop Max Roach, che in seguito diventerà suo marito. Fu lo stesso Roach, ad introdurla nella elite del jazz di New York, oltre ha giocare un ruolo molto importante nello sviluppo della cantante come artista ed attivista politico-sociale.
Lincoln e Roach iniziarono a collaborare frequentemente durante la fine del 1950 e per tutto il 1960. Durante questo periodo, il movimento dei diritti civili era in crescita, e, insieme a Charles Mingus, Oscar Brown Jr., John Coltrane e altri musicisti di jazz, divennero parte importante di esso. Lincoln, Roach, Brown ed altri suonarono in concerti benefici e di raccolta fondi per la NAACP, CORE ed altre organizzazioni per i diritti civili. Nel 1960, registrarono il capolavoro di Roach, We Insist! Freedom Now Suite.
Alla metà degli anni 1960, Abbey Lincoln recitò in due film, Nothing but a Man e For the Love of Ivy. Alla fine di quel decennio, dopo che lei e Roach ebbero divorziato, la Lincoln si trasferì in California e si immerse completamente nell'arte. Anche se lei in quel periodo stava attraversando un momento di difficoltà finanziaria, la cantante Miriam Makeba le offrì la possibilità di visitare l'Africa.
Per tutto gli anni '70 e '80, la Lincoln registrò per piccole etichette indipendenti come la Inner City e Enja. La sua carriera ricevette una spinta ulteriore nel 1989, quando il produttore francese Jean-Philippe Allard la invitò a registrare per la Verve Records / Francia.
L'album When The World Is Falling Down del 1990, riportò la Lincoln verso la celebrità. Da quel momento, la cantante produsse una serie di album stellari e filosofici che ebbero un grande successo critico e commerciale, fino all'uscita del suo ultimo disco, Abbey Sings Abbey del 2007.

Ecco questo splendido documentario, del quale si può anche scaricare il podcast:

Nessun commento:

Posta un commento