domenica 9 settembre 2012

REPLAY: Trombone Shorty - For True

(Pubblicato originariamente il 4 ottobre 2011)
Lo scorso 13 settembre l'etichetta Verve Forecast ha pubblicato il nuovo album di Trombone Shorty, intitolato For True.
Giunto subito dopo lo straordinario successo del precedente Backatown, con il quale il giovane trombonista ha ricevuto la sua definitiva consacrazione, For True era atteso come album di conferma di un talento straordinario;  devo affermare che secondo me l'album non solo mantiene in pieno le attese, ma a mio parere è a un livello musicale nettamente superiore al precedente.


In For True il polistrumentista Shorty, che canta e suona il trombone, la tromba, l'organo il piano e il sintetizzatore, si avvale della magnifica Orleans Avenue una straordinaria brass band di New Orleans composta da Mike Ballard al basso, Pete Murano alla chitarra, Joey Peebles alla batteria, Dwayne Williams alle percussioni, Dan Oestreicher al sax baritono e Tim McFatter al sax tenore,  più di una serie di ospiti dei più disparati generi musicali come, Warren Haynes, Jeff Beck, Lenny Kravitz più i vocalists Kid Rock e la straordinaria Ledisi, per produrre una esplosiva miscela di rock, pop, jazz, funky, blues, soul e rap, condita da colori e sapori "neworleansiani" che riportano alla mente le grandi marching-band del passato reinventate in chiave moderna.
D'altro canto le origini di Troy "Trombone Shorty" Andrews non tradiscono.
Nato nel 1986 a New Orleans da una famosa famiglia musicale, con il fratello James "12" Andrews, un famoso trombettista jazz, a fargli da mentore, Andrews è stato un talento incredibilmente precoce avendo iniziato a suonare professionalmente all'età di cinque anni. Presto imparò a suonare trombone, tromba e percussioni, ma alla fine scelse come suo principale strumento il trombone, da cui è derivato il suo soprannome. Il suo fu un talento così precoce che, all'età di otto anni, un club del celebre quartiere Treme di New Orleans, dove è nato e cresciuto, fu chiamato Trombone Shorty in suo onore.
Musicista poliedrico, Andrews ha collaborato con artisti dei generi più diversi, dalla Lincoln Center Jazz Orchestra di Wynton Marsalis a Jeff Beck, Dave Matthews e Lenny Kravitz.
For True è composto da 14 entusiasmanti pezzi, scritti personalmente da Andrews in collaborazione con altri artisti, tra i quali segnalerei il pirotecnico opening-track Buckjump dalla ritmica molto funky e con un poderoso assolo di Andrews al trombone, la successiva Encore dalle sonorità più pop nel quale Trombone Shorty mette in evidenza la sua voce, accompagnato dal meraviglioso sound della chitarra di Warren Haynes.
Notevoli sono anche Dumaine Street e Big 12, trascinanti pezzi ricchi di groove, nel quale si evidenzia il grande interplay tra Shorty e la Orleans Avenue, così come Then There Was You, dalle profonde sonorità blues e soul nel quale si può ammirare la straordinaria performance vocale della grandissima singer Ladisi.
Per concludere una notevole selezione per uno strepitoso album di musica divertente, intrigante e stimolante prodotta da un giovane artista che consiglierei di seguire con attenzione.

Sul sito della Npr si può ascoltare in streaming il concerto di Trombone Shorty & Orleans Avenue, Live al Newport Jazz Festival lo scorso 7 agosto 2011

Ecco un video di Trombone Shorty che presenta Neph, Live al Verve Club di Berlino il 25 luglio 2011:

Nessun commento:

Posta un commento