giovedì 27 ottobre 2011

Ron Carter "Golden Striker Trio" ad Alba

Venerdì 11 novembre presso il Teatro Sociale di Alba con inizio alle ore 21 concerto del Ron Carter "Golden Striker Trio" composto da Mulgrew Miller: piano, Kevin Eubanks: chitarre e Ron Carter: contabbasso.
Le sue apparizioni su più di 2.500 album lo rendono uno degli artisti più registrati nella storia del jazz. Un musicista leggendario, un suono unico, un gentleman che riesce a conciliare uno swing strabiliante con il rigore stilistico della musica colta. Ron Carter, classe 1937, è certamente uno dei più originali e tecnicamente superlativi contrabbassisti del mondo. Il suo curriculum parla da solo: contrabbassista nel mitico quintetto di Miles Davis, quello che con Herbie Hancock, Wayne Shorter e Tony Williams è stato uno dei gruppi più esplosivi del jazz; e ancora, contrabbassista insieme ad Antonio Carlos Jobim, McCoy Tyner, Eric Dolphy, Sonny Rollins, Wes Montgomery, Herbie Hancock; insieme ad Hancock e a Billy Cobham fonderà un trio nel 1981, chiamato Trio Hurricane: i tre avranno un successo incredibile; e ancora, vincitore di due “Grammy Awards”: nel 1993 come miglior gruppo e nel 1998 per il brano “Sheet Blues” (tratto dalla colonna sonora del film “Round Midnight”).
Ad Alba, al Teatro Sociale, arriva quindi un’icona, uno dei personaggi più carismatici della musica afroamericana e per merito del quale la maggior parte di noi si e’ innamorato del Jazz.
Il Golden Striker Trio lavora con una formazione particolare: un pianista poderoso (Mulgrew Miller), un chitarrista raffinato (Kevin Eubanks) e Ron Carter al contrabbasso: il trio porta in tournée le sue composizioni originali, ricreando le atmosfere da club jazz. Il tutto eseguito con una precisione incredibile, e un’attenzione particolare ai dettagli, quella dei grandi musicisti, ma anche con una vena improvvisativa che e’ quella dei grandi Jazzisti e che rende imprevedibile ed emozionante ogni concerto di Ron Carter.

Ecco un video del Golden Striker Trio che presentano l'onomino pezzo al Festival di San Sebastian:

Nessun commento:

Posta un commento