mercoledì 26 ottobre 2011

Riparte la stagione del Jazz Club di Perugia

Il magazine "Newsweek" lo ha definito "Il maestro della melodia"! Proprio con lui, con Tom Harrell e il suo Quintetto, comincerà la stagione 2011 - 2012 del Jazz Club Perugia. Il trombettista dell'Illinois, eletto da "Down Beat" quale miglior tromba dal 1977 al 1995, suonerà sul palco del Teatro Pavone di Perugia venerdì 18 novembre 2011 alle 21,30. Con lui: Wayne Escoffery (sax tenore), David Berkman (piano & rhodes), Ugonna Okegwo (basso) e Johnathan Blake (batteria).
Il nuovo cartellone del JCP prevede quest'anno otto concerti, tre dei quali sanciranno il ritorno al Giò Jazz Area, auditorium nel quale si erano tenute le prime due edizioni. 
Dopo il trombettista statunitense, martedì 22 novembre sempre alle 21,30, sarà la volta del concerto del duo Stefano Bollani / Hamilton De Holanda. Insieme riporteranno il JCP negli spazi dell'Hotel Giò Jazz area di Valeria Guarducci. Quella, con il mandolinista Hamilton De Holanda, è l'occasione che ha permesso al pianista milanese di tornare a confrontarsi con la musica brasiliana, dopo "Falando de Amor" (Venus, 2003) e il fortunato "Bollani Carioca" (Emarcy, 2008). Tra Stefano Bollani ed Hamilton De Holanda c'è un'affinità profonda, nata dal comune amore verso le partiture dei grandi compositori brasiliani. 
Il terzo concerto della "stagione d'inverno" sarà quello di Omer Avital Quintet, venerdì 16 dicembre 2011 presso il Teatro del Pavone. Con il contrabbassista Avital suoneranno:  Joel Frahm (sax tenore), Avishai Cohen (tromba), Jason Lindner (pianoforte) e Johnathan Blake (batteria). Omer Avital, israeliano, è un creativo contrabbassista che ha saputo elaborare un trascinante progetto musicale in cui l'improvvisazione jazzistica fa da veicolo creativo per una molteplicità di tradizioni mediorientali e nordafricane, dallo Yemen al Marocco. 
Venerdì 20 gennaio presso il Teatro del Pavone, l'Enrico Rava “Tribe” Quintet. Con il trombettista di Trieste, Gianluca Petrella (trombone), Giovanni Guidi (pianoforte), Gabriele Evangelista (contrabbasso) e Fabrizio Sferra (batteria). Il gruppo racchiude diverse generazioni di musicisti, tutti con una propria storia e personalità stilistica. Del resto, Rava ha compreso da tempo uno dei meccanismi adottati da molti grandi leader della musica africana americana: inserire periodicamente nelle proprie formazioni giovani musicisti.
Venerdì 17 febbraio alle ore 21,30 si torna all'Hotel Giò Jazz area con il “Monk at Town Hall: tributo a Thelonious Monk" della Lydian Sound Orchestra. Nella formazione, ispirata all'organico della storica "Tuba Band" di Miles Davis, suonano: Pietro Tonolo (sassofono), Robert Bonisolo (sassofono), Rossano Emili (sassofono), Kyle Gregory (tromba), Roberto Rossi (trombone), Dario Duso (tuba), Paolo Birro (pianoforte), Marc Abrams (contrabbasso) e Mauro Beggio (batteria). 
Danilo Rea Trio, con "Beatles in Jazz" sarà sul palco del Teatro Pavone il sabato 17 marzo 2012. Con Rea (pianoforte), suoneranno Ares Tavolazzi (contrabbasso) ed Ellade Bandini (batteria). Un trio di jazzisti d'eccezione interpreta le musiche dei Beatles. A proposito di questo trio Rea ha detto: "Ci divertiamo molto, abbiamo un ottimo feeling. Sono contento di aver rimesso assieme a me due musicisti come Ares e Ellade: la loro esperienza è ricchissima e varia. Le emozioni e le novità che escono fuori da questo Trio credo saranno apprezzate dal nostro pubblico". 
Venerdì 4 maggio 2012 alle 21,30, presso la Sala dei Notari - in un concerto fuori abbonamento ed autogestito - ritorna la Perugia Jazz Orchestra di Mario Raja
Venerdì 13 aprile 2012 alle 21,30 al Giò Jazz Area le "Memorie di Adriano - Canzoni del clan di Adriano Celentano" con Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax), Fabrizio Bosso (tromba), Furio Di Castri (contrabbasso), Rita Marcotulli (pianoforte) e Mattia Barbieri (batteria). Dopo aver affrontato il repertorio di Frank Zappa e quello di Domenico Modugno ("Uomini in frac" è stato presentato in tutta Europa), l'ensemble prova l'esplorazione di un altro grande personaggio della musica italiana: Adriano Celentano, interprete e compositore che, con il Clan, ha tracciato un'impronta profonda nella storia della musica italiana.

Nessun commento:

Posta un commento