mercoledì 26 ottobre 2011

Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite a Roma

Questa sera alle ore 21, riparte la nuova stagione del Teatro Biblioteca Quarticciolo di Roma con il concerto del trio italo-argentino composto dalla voce degli “Avion Travel” Peppe Servillo, e da due musicisti sudamericani, il sassofonista e clarinettista Javier Girotto e il pianista Natalio Mangalavite. Insieme sul palcoscenico per un viaggio in musica che ripercorre la canzone italiana e la tradizione musicale argentina.
Con brani tratti degli ultimi due album L’Amico di Cordoba (2003) e Fútbol (2006), il trio incontra i ritmi latino-americani con riletture, melodie e inediti d’autore per una performance fra teatro, letteratura e calcio.
L’eleganza di una delle voci più colte del panorama musicale italiano, e la grande personalità sonora dei due musicisti argentini: Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite, un trio quasi naturale, nonostante provenga da culture musicali diverse, nato dalle ripetute collaborazioni che i singoli musicisti hanno alternato nel corso degli anni. Infatti, Girotto e Mangalavite nel 2003 hanno inciso insieme l’album Colibrì, mentre Servillo è stato spesso ospite degli Aires Tango, il gruppo storico di Girotto, con il quale ha registrato anche un brano nel loro cd Poemas
Una raffinata partitura fra canzone d’autore, jazz, e musica argentina porta in scena la storia del nostro sport nazionale: "Fútbol" che, ispirato ai racconti dello scrittore argentino Osvaldo Soriano, racconta storie di calcio in cui si avvicendano storie di vita, d’amore e di sport tra vittorie, sconfitte, contrasti e spirito di squadra. Il calcio come metafora della vita che implacabilmente assegna a ciascuno il suo ruolo. Un excursus musicale che continua con brani tratti da L’Amico di Cordoba, poesia e arte si incontrano in una miscela suggestiva e sperimentale che fonde l’atmosfera sudamericane con quella mediterranea.

Ecco il video del trio, registrato a Live Loano Note in Libertà - Palazzo Doria - Sabato 11 Aprile 2009:

Nessun commento:

Posta un commento