mercoledì 5 ottobre 2011

Paolo Fresu e Uri Caine a Porto Sant’Elpidio

Imperdibile evento musicale mercoledì 19 ottobre, al Teatro delle Api di Porto Sant’Elpidio. Con un fuori programma il Tam Club di Grottazzolina inaugura la stagione musicale e lo fa in grande stile, con l’incontro tra due grandi personalità del jazz moderno, Paolo Fresu e Uri Caine.
La storia del fortunatissimo incontro di questo duo è una sorta di “altra versione” del celeberrimo trio di Keith Jarrett, alle prese con gli standard più tradizionali della storia del jazz ma, con in più, il rischioso “senza rete” di avere in realtà scelto materiale davvero “pericoloso” per la sua enorme popolarità. Non è affatto semplice, come invece potrebbe sembrare, scegliere di suonare ad arte, brani che sono il magma ed il segno della storia jazzistica.  Il duo affronta il gioco con sorprendente semplicità, riuscendo perfettamente a trasmettere il sentimento che guida questa straordinaria musica.
Ora, dopo il successo di “Things”, album del 2006 pubblicato per la prestigiosa etichetta Blue Note, Paolo Fresu reincontra Uri Caine, il grande pianista americano per un nuovo progetto ironicamente chiamato “Think”. L’assonanza tra i due titoli (Things/Think) sta a significare l’assonanza tra i due progetti ma anche la differenza tra “le cose” e il “pensare alle cose.
L’incontro tra questi due musicisti è una delle cose più interessanti successe nel mondo del jazz degli ultimi anni; la tromba lirica e sognante di Fresu, il suo timbro malinconico e onirico si sposa eccellentemente con il pianismo di Uri Caine, fatto di mille citazioni, dalla canzone americana, al blues, dal jazz più mainstream all’avanguardia fino alla musica classica, genere che Caine ha riveduto e corretto secondo i suoi parametri personali in molti progetti solistici pubblicati negli ultimi 10 anni.

Ecco uno splendido video del duo Fresu/Caine che presentano Lascia ch'io pianga, registrata al Festival Jazz sous les Pommiers 2010

Nessun commento:

Posta un commento