lunedì 19 settembre 2011

Amarone in Jazz 2011

Si terrà dal 24 ottobre all’1 novembre 2011 la 4a edizione dell'Amarone in jazz 2011.
L'eccellente programma della manifestazione si aprirà lunedì 24 ottobre al Panic Jazz Club di Marostica con il duo composto da Paolo Fresu (tromba) e Uri Caine (piano), martedì 25 ottobre sarà di scena al Crowne Plaza di Verona il chitarrista scozzese Martin Taylor, noto per le sue collaborazioni con gente del calibro di Stephane Grappelli, Jeff Beck, Gary Burton, Chet Atkins, Bill Wyman, George Harrison, Dionne Warwick, Diane Schuur e Jamie Cullum.
Mercoledì 26 ottobre, nuovamente al Panic, concerto del quintetto formato da Myron Walden (sax), Darren Barrett (tromba), Misha Tsiganof (piano), Yasushi Nakamura (basso) e John Davis (batteria)
Giovedì 27 ottobre al Teatro Astra di San Giovanni Lupatoto, ci sarà il concerto degli Area, composti da Patrizio Fariselli (pianoforte, tastiere), Paolo Tofani (chitarre, elettronica) e Ares Tavolazzi (contrabbasso, basso elettrico), con la partecipazione di Walter Paoli (batteria). 
Venerdì 28 ottobre Amarone in Jazz sarà al Bar The Brothers di Grezzana, enoteca molto apprezzata in Valpantena, con il quartetto di Massimo Coppola.
Domenica 30 ottobre l’appuntamento è all’Hotel Gran Can di Pedemonte con l’X-Press Trio, ovvero Adriano Mondini (oboe), Gianni Serino (basso) e Marco Fadda (percussioni).
Lunedì 31 ottobre un doppio concerto al Teatro Camploy; in apertura Diego Amador, proporrà flamenco con piano e “cante” in un concerto solistico, mentre il Jorge Pardo Mocambo Quintet (Jorge Pardo – flauto, sax, Julio Barreto – batteria, Mirko Signorile – piano, Alfredo Paixao – basso e Gilson Silveira - percussioni) suonerà un concerto dedicato ai suoni jazz latino-americani. 
La chiusura non poteva essere che con l’ultima novità. Amarone in Jazz 2011 si conclude a Le Cantine de l’Arena martedì 1 novembre, con il concerto di Jim Mullen (chitarra), Raphael Wressnig (Hammond) e Lucas Knöfler (batteria).
Per informazioni: www.amaroneinjazz.it

Nessun commento:

Posta un commento